venerdì 22 aprile 2011

do-d'oh!

Oggi, come ci ricorda Google con uno dei suoi loghi a tema, è il giorno della Terra e, come non ci ricorda Google con uno dei suoi loghi a tema, anche venerdì Santo.
il logo che avrei messo io oggi
Partendo da queste due considerazioni direi di parlare di estinzioni, e quale migliore esempio di essere estinto del Raphus cucullatus o dodo o dronte? Secondo me nessuno.

Per chi ancora non lo sapesse il dodo (questo il nome più famoso dei tre che gli hanno dato) era un uccello che abitava alle Mauritius, ma non per scelta, lui viveva lì semplicemente perché il nonno del nonno del nonno di suo nonno ci era arrivato volando, e questo ci fa capire immediatamente che il nonno del nonno del nonno del nonno dell'uccello in questione non era per niente scemo (perché, dico, poteva anche andare a vivere in Antartide, per esempio, e invece no! Lui ha scelto le Mauritius, se non è stato intelligente lui, allora i pinguini cosa sono?).
Il figlio di questo intelligente uccello si trovò praticamente ad avere una vita tipo villaggio turistico, anzi meglio: aveva il mare, un sacco di amici con cui fare quello che voleva, tutta la frutta che poteva desiderare e anche di più e, soprattutto, non c'era l'animazione.
Non passarono neanche due generazioni che tutti i discendenti dell'uccello intelligente persero la capacità di volare, in cambio ottennero un culo di dimensioni eccezionali, roba che Valeria Marini al confronto è un'aringa*; forse anche perché ormai non volava più, questa terza generazione si aggirava per l'isola pensando di partecipare ad un noto reality condotto da Simona Ventura... praticamente sembravano dei dementi su una spiaggia (l'unica differenza era che loro non dimagrivano e non pensavano di essere famosi).
In pratica il dodo era il risultato di una vita a metà tra il reality e il villaggio turistico: un uccello incapace di volare che deponeva le uova dove gli capitava, soprattutto in luoghi in cui potevano essere facilmente calpestate.

Fu così che il dodo cessò di esistere. Chissà che tristezza la vita dell'ultimo dodo!
Ammetto di essere un po' dispiaciuto che questo animale non esista più, ma forse era troppo stupido continuare a vivere.

Dite che gli stupidi sono destinati a estinguersi come il dodo?

Io non ne sarei certo, dopotutto se la madre dei cretini è sempre incinta, è difficile che la specie si estingua... però, nel dubbio, non sarà il caso di iniziare a scrivere una lista di nomi da inserire tra le specie a rischio di estinzione? Forse arrivati a un certo punto si potrebbe mandarla al WWF, chissà, magari alla fine decideranno di prendere Flavia Vento al posto del panda!
Secondo me potrebbe funzionare.

Avete qualche nome da suggerire?
Buon Earth day quasi finito a tutti!

*e non ho usato la parola sardina, perché nel suo caso avrei dovuto usare sardona, ma non tardona (o forse sì?).

14 commenti:

  1. Amadeus... non il supermitico Mozart, ma quella sottospecie di conduttore della RAI

    RispondiElimina
  2. Sono colpito dal tuo ripescaggio del Dodo.
    Non lo sentivo nominare dalle lezioni di scienze alle elementari.
    Per me è quasi un mito. :)

    RispondiElimina
  3. Concordo sul fatto che gli stupidi non siano in via di estinzione. Anzi, sono seriamente preoccupata dal loro proliferare...
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  4. I pinguini credo siano animali intelligenti... E concordo anch'io sul fatto che gli stupidi, invece che estinguersi, proliferino... simil-Flavia Vento in primis...
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  5. @MirkoS: sì, lui deve essere inserito per forza... ma con o senza la scossa di Giovanna?

    @MrJamesFord: io non ricordo da quanto tempo era che non ne sentivo parlare; forse l'ultima volta è stata quando si è scoperto che Dodò in realtà è un'aquila venuta male.

    @Redazione: questo significa forse che, al contrario di quello che dicono i proverbi, la chiave dell'evoluzione è nell'adattamento e la chiave dell'adattamento è nella stupidità?
    Inizio ad avere paura. Buona Pasqua anche a te!

    RispondiElimina
  6. @Vince: quelli di Madagascar sicuramente lo sono, infatti non vivono in Antartide.
    E se creassi la FWWF (Flavia Wento Wildlife Fund) in aiuto a tutti quei cuccioli di stupido che girano per il mondo? Magari li si potrebbe far vivere in speciali parchi naturali facendogli credere di essere in un reality.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  7. Sì, potrebbe essere un'idea... :D

    RispondiElimina
  8. ma dodo = dodò dell'albero azzurro?

    RispondiElimina
  9. @Vince: un'ottima idea!

    @Leti: no, come dicevo sopra lui è un'aquila venuta male.

    RispondiElimina
  10. 'Ottima'... lo dici tu... sarebbe da vedere... :D

    RispondiElimina
  11. @Vince: lo dico io in seguito a un'attenta analisi di mercato. Ringrazio tutti i call center che mi hanno aiutato nel raccogliere i dati necessari alla realizzazione di tale analisi. :)]

    RispondiElimina
  12. Ricordo a tutti i tuo lettori che i dodo vanno pazzi per le angurie (cit da L'era glaciale)
    =((

    RispondiElimina
  13. la facciona sopra doveva essere questa :-O
    (va bene, dopo il grande sfoggio di cultura uno svarione ci sta..)

    RispondiElimina
  14. @luciebasta: dopo una citazione del genere puoi fare tutto quello che vuoi qui, hai stravinto!

    RispondiElimina

Ogni commento è ben accetto, soprattutto il tuo!