lunedì 2 maggio 2011

dead!

Osama Bin Laden è morto.
Come si può leggere qui*, in tutto il mondo la reazione è stata più o meno la stessa, molti hanno usato la parola "giustizia".

Se a morire in questo stesso modo fosse stato un altro, si sarebbe parlato di un'esecuzione sommaria, ma è morto Bin Laden, anzi, è stato ucciso Bin Laden, quindi in questo caso era giustizia, anzi, Giustizia, nel senso assoluto del termine: Bin Laden era un simbolo, e abbattere un simbolo significa stare dalla parte del giusto, chi vince è il giusto.
Di sicuro non era una persona da ammirare, ma credo che in questo caso non si possa parlare di Giustizia; o ci troviamo ancora nel mitico Far West ottocentesco e non me ne sono accorto?

Non riesco a pensare che questa sia Giustizia e non condivido i festeggiamenti di piazza, forse anche perché in questi anni ho visto la cattura di molti boss mafiosi, di molti simboli, simboli immediatamente rimpiazzati. Una persona è una persona, un'idea, per quanto evidentemente sbagliata, è un'altra cosa.

Tutto questo ovviamente non significa che i soldati che lo hanno ucciso dovevano rimanere fermi a farsi sparare; hanno svolto il loro lavoro e hanno cercato di tornare a casa vivi, come è logico che sia.

PS: sono vicino a Polly che oggi ha perso un personalissimo sex symbol e mi scuso con MrFord per aver espresso un parere negativo sul Far West.

*l'articolo è stato aggiornato, qualcuno ha fatto notare che non c'è da festeggiare.

13 commenti:

  1. Interessante punto di vista, Bert.
    A volte è sottovalutata l'importanza delle idee rispetto alle persone che le rappresentano.

    RispondiElimina
  2. io non ci vedo niente da festeggiare in piazza sinceramente..

    RispondiElimina
  3. Condivido il tuo pensiero in toto.

    RispondiElimina
  4. non mi sembra giustizia a prescindere..
    è lo stesso motivo per cui siamo contro la pena di morte.. dico giusto??
    e.

    RispondiElimina
  5. Concordo anch'io, non credo sia giustizia.

    P.S.: La foto pare sia taroccata (e, in effetti, per quanto ne capisca, sembra davvero photoshoppata, e male...); comunque, questo non cambi la sostanza delle cose.

    RispondiElimina
  6. Mi unisco al coro dei pareri non richiesti, e anche dei perplessi. Non mi sono mai piaciuti gli isterismi di massa, specie quelli che celebrano la morte di qualcuno. Posto che i morti sono morti, e fossi anche al posto dei parenti di una delle vittime dell'11 settembre non penso che oggi mi sentirei meglio...

    RispondiElimina
  7. ahem.
    no vabbè, mi hai sgamato, io ci sono rimasta male.

    oltre che per il discorso del sex symbol.
    per la gioia delle folle.
    hai detto tutto tu.
    è stata un'esecuzione sommaria.
    non è stato estirpato il male.
    e nel frattempo hanno fatto fuori migliaia e migliaia di civili. vediamo se chi esulta tanto ora la fa finita di lanciare bombe.

    RispondiElimina
  8. non festeggio, la morte procurata è sempre una morte sbagliata; la penserà così anche chi ha perso qualcuno alle twin towers.

    RispondiElimina
  9. @MrJamesFord: pensavo di scrivere proprio di quello che dici tu, poi ho letto questa notizia e ho cambiato direzione... evidentemente non del tutto.

    @Leti: neanche io, ma qualcuno lo sta facendo... non so cosa pensare.

    @Stresserentola: ne sono felice, benvenuta!

    @emanuelas: sì, credo di sì.

    @Vince: sì, modificata e male, potevo farlo anche io un lavoro del genere.

    @Ladybug: io non so se starei meglio al posto dei parenti delle vittime, ma molto probabilmente non festeggerei.

    @polly: dicono che lo scopo della missione fosse proprio quello di ucciderlo.

    @luciebasta: lo spero sinceramente.

    RispondiElimina
  10. Chi non ha pensato di strangolarlo con le sue mani quando ha visto cadere le torri gemelle e morire migliaia di innocenti? Chi non avrebbe voglia di prendere un fucile e ammazzare l'aggressore di un proprio caro? Pensarlo è lecito, ma questa non è giustizia in un paese democratico. L'uccisione di Bin Laden è un simbolo, l'America si è riscattata, ha mostrato a tutto il mondo che si è vendicata ammonendo tutti quanti che non bisogna sfidarla.

    Ovviamente non possiamo pensare che il terrorismo sia finito con la morte di Bin Laden, solo gli sciocchi lo penserebbero. Quello che mi chiedo ora è cosa succederà? Se anche a noi "occidentali" non appare giustificabile il comportamento degli americani figuriamoci cosa penseranno i popoli islamici.

    La cattura di Bin Laden sarebbe stata molto scomoda, ma questa motivazione può autorizzare gli USA ad uccidere qualcuno senza processi e a buttare il corpo in mare come se fossero i padroni della vita e della morte?

    Ed abbiamo anche l'ardore di considerarci paesi democratici votati a trasferire la democrazia ai popoli arabi?

    RispondiElimina
  11. @MirkoS: ecco, appunto: vendetta. Chi dice di essere "una Nazione, davanti a Dio, indivisibile, con la libertà e la giustizia sopra ogni cosa" può permettersi la vendetta?

    RispondiElimina
  12. Non è Giustizia, è ovvio, è spendere per bene il budget militare...

    RispondiElimina
  13. @notizie dal futuro: non so se uccidere un uomo dopo aver iniziato una guerra che, dopo dieci anni, è ancora in corso, si possa definire "spendere bene il budget militare".
    Benvenuto!

    RispondiElimina

Ogni commento è ben accetto, soprattutto il tuo!