martedì 19 aprile 2011

genesi di un'idea

Visto il successo che le mie idee, presentate in anteprima qui e qui, stanno riscuotendo nell'intero globo terracqueo (soprattutto in quello acqueo) ho deciso di regalarvi un'altra perla delle mie.

Questa idea è stata ispirata dal mio ultimo post, ultimo prima di questo, non ultimo ultimo, perché l'ultimo sarebbe questo, almeno per ora, perché poi potrebbe diventare un altro e un altro ancora... insomma questo.

Nella mia ricerca di criceti che corrono nelle loro ruote mi sono imbattuto in un oggetto meraviglioso*: un... non credo abbia un nome, e non so descrivervelo, quindi leggete qui. Questo è stato il primo ispiratore.

Continuando la ricerca di criceti e ruote, noto numerose immagini nelle quali il posto del criceto era occupato da un uomo. Secondo ispiratore.

Non trovando l'immagine giusta, continuo a scorrere fino alla fine della pagina, dove, in un paio di foto, scopro l'analogia che alcuni riscontravano trai criceti che corrono sulla ruota e chi corre per km in palestra. Terzo e illuminante ispiratore.

A questo punto c'era tutto, potevo partorire la mia idea, stavolta è una cosa seria, si parla di ambiente, di energia che ora viene totalmente sprecata e anche di poco innovative strategie di marketing.

L'idea è rivolta a chi ha o gestisce una palestra, è abbastanza semplice e consiste nell'utilizzare il movimento di ogni tapis roulant e cyclette per generare energia elettrica, fino a questo momento tutta quell'energia è sprecata, mentre, applicando anche una semplice dinamo (magari esiste qualcosa di meglio, ma non lo so) si potrebbe riutilizzare, diminuendo in questo modo le spese di gestione della palestra; probabilmente non si risparmierebbero milioni di Euro, ma sarebbe in ogni caso evitato uno spreco.

Certo, qualcuno potrebbe pensare che il gioco non valga la candela, alla fine si devono modificare molti attrezzi per ottenere una quantità non eccessiva di risparmio energetico, ma proprio per convincere anche i meno ecologisti ho pensato a una strategia di fidelizzazione del cliente che possa favorire la mia trovata geniale: ogni cliente avrà a disposizione una carta magnetica che registrerà la quantità di energia elettrica generata grazie al suo allenamento, al raggiungimento di alcuni traguardi prestabiliti si avrà diritto a delle agevolazioni, che possono essere sconti o cose simili. Questa tessera e la voglia di migliorarsi per poi ottenere un premio, insieme alla curiosità di scoprire quanta energia si riesce a generare, potrebbero portare anche il cliente meno attivo a ritornare, diciamo che funziona un po' come con i punti della spesa, non è una grossa novità, ma secondo me potrebbe avere un successo inaspettato.

Come sempre, se riuscite a realizzare una cosa del genere, siete legalmente e moralmente obbligati a cedermi una parte degli introiti derivanti dall'uso della mia idea (stavolta addirittura sensata) o a versarmi la solita cifra una tantum da stabilire tra noi.

*ma mai meraviglioso come un certo piccione.

18 commenti:

  1. Proverò a realizzarla e ti farò sapere...

    RispondiElimina
  2. Bert, è una cosa così semplice e a suo modo geniale che quasi mi fa paura.
    Però l'immagine del criceto è bellissima.

    RispondiElimina
  3. Non per fare il guastafeste... ;)) ... ma... credo che l'idea sia già venuta più o meno a qualcun altro (non ho cercato molto, ma leggi ad esempio qui...), mi spiace... :P

    L'idea della fidelizzazione del cliente la trovo geniale ed efficace: finalmente qualcosa di sensato, va'! :D ;)

    RispondiElimina
  4. @notizie: questo è lo spirito giusto! Attendo ulteriori sviluppi (anche se adesso so che qualcuno lo ha già fatto).

    @MrJamesFord: però, come al solito, sono arrivato troppo tardi...

    @Vince: anche se sono arrivato tardi... meglio così, almeno adesso nel mondo c'è una palestra utile. Adesso gli propongo il mio sistema per schiavizzare i clienti.

    RispondiElimina
  5. Ma che idea carina!
    Mi piacciono un sacco le idee che fanno risparmiare energia.

    RispondiElimina
  6. Seee... "meglio così"... in realtà, vorresti strozzarmi per averti distrutto il "primato"... :))
    "Sta' a rosicà, sta' a rosicà, sta' a rosicà..." (cit.) ;)) ;)

    RispondiElimina
  7. @Vince sei tremendo, non puoi trattare così il Bert :O appena diventerà un grande ingegnere architetto idraulico voglio vedere se avrai l'ardore di rivolgerti a lui con questi toni u.U

    RispondiElimina
  8. @MirkoS: :)) ... Un grande ingegnere architetto idraulico???!!! Seeee... la vedo molto dura (questa è bastarda forte... ahaha... :P)... al massimo, idraulico... ma anche no... ;)) :P

    Comunque, non preoccuparti, che anche lui non mi risparmia colpi... ;)

    RispondiElimina
  9. @Redazione: infatti mi piaceva un sacco; una cosa che invece non mi piace il fatto che non esistano palestre simili in Europa e che, da quello che ho capito, gli attrezzi modificati costino veramente tantissimo.

    @MirkoS: bravo, diglielo! Ai miei titoli aggiungerei anche ballerino/meccanico, produttore di starnuti, perforatore di timpani, potenziale campione di tiro a segno e altri che non mi sovvengono.

    @Vince: in riferimento all'ultimo commento un saggio una volta disse:
    "Ma te c'hanno chiamato o ce sei venuto?"
    un altro saggio, invece, solea cantar così.

    RispondiElimina
  10. @Carolina: e ritardatario...

    RispondiElimina
  11. @MirkoS: se devo scegliee una specialità scelgo la pistola libera, una volta l'ho provata e ho fatto "veramente abbastanza" schifo.

    RispondiElimina
  12. *_* ma dici davvero? ma allora ti sfido a duello, no no questa non me la perdo proprio, organizziamo una sfida al poligono di Roma con Vince cha fa da arbitro e chi perde paga il pranzo o cena u.u

    La sfida è lanciata

    RispondiElimina
  13. @MirkoS: potrebbe essere la volta buona che riesco a pagare qualcosa ;)

    RispondiElimina
  14. @MirkoS: Beh, non ho esperienze del genere, potrei (magari anche una sfida a tre... visto che nel lancio della pantofola - a mio fratello e mia sorella - non mi batte nessuno, quindi la mira c'è... ;))), ma non so, dipende anche soprattutto dal ragazzo che ha commentato qui sopra (che ultimamente si fa un po' "desiderare"...)... potrei, ma non so... ;)

    RispondiElimina

Ogni commento è ben accetto, soprattutto il tuo!